Approfondimenti e notizie

22/03/2010 - I lavori in corso per il passaggio al nuovo ordinamento degli Istituti Tecnici

I regolamenti di riordino degli istituti tecnici e degli istituti professionali, che sono stati sottoscritti dal Presidente della Repubblica il 15 marzo 2010, presto saranno pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale, previa registrazione alla Corte dei Conti. Ai fini del passaggio al nuovo ordinamento, il MIUR emanerà le linee guida a sostegno dell’autonomia organizzativa e didattica delle istituzioni scolastiche, come previsto dalla disciplina transitoria contenuta nei regolamenti.
In questa fase, l’apposito Gruppo nazionale operante presso il Dipartimento per l’Istruzione sta predisponendo una prima bozza di documento tecnico, che tiene conto dei  risultati delle esperienze e delle riflessioni condotte dalle istituzioni scolastiche negli ultimi due anni, con particolare riferimento ai seguenti aspetti:
- la declinazione in abilità e conoscenze dei risultati di apprendimento contenuti negli allegati B e C dei citati regolamenti, in relazione alle discipline  ivi previste;
- il raccordo tra l’area di istruzione generale e le aree di indirizzo;
- le indicazioni metodologiche relative agli aspetti più innovativi, quali: 1) la progettazione didattica e la valutazione per competenze; 2) il raccordo con gli assi culturali dell’obbligo di istruzione; 3) le scienze integrate; 4) l’insegnamento di Cittadinanza e Costituzione; 5) l’insegnamento della geografia secondo una impostazione multidisciplinare; 6) gli insegnamenti di “Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica”, “Tecnologie informatiche”, e “Scienze e tecnologie applicate”; 7) l’apprendimento di laboratorio, anche con riferimento alla  compresenza degli insegnanti tecnico-pratici;
- criteri generali per l’organizzazione scolastica, con particolare riguardo all’ Ufficio Tecnico, ai Dipartimenti, e al Comitato tecnico Scientifico.

Il piano di lavoro
L’obiettivo delle linee guida è quello di costruire progressivamente, nel dialogo con le scuole e gli altri soggetti interessati, l’applicazione dei nuovi ordinamenti a partire dalle prime classi funzionanti nell’anno scolastico 2010-2011. La prima bozza sarà definita alla fine della prima decade di aprile e resa disponibile, sino al  15 maggio p.v., sul sito dell’ANSAS per la discussione e la raccolta di osservazioni e proposte.
Il Dipartimento per l’Istruzione ha  programmato anche alcuni seminari nazionali per proseguire il confronto con le scuole che hanno collaborato alla redazione dei documenti tecnici relativi ai risultati di apprendimento dell’area di istruzione generale e alle aree di indirizzo, presentati nel novembre 2009, che hanno costituito il riferimento degli allegati ai citati regolamenti.